Ultime news

Il premio Donna Coraggio ad Ana Maria Muhai per la sua lotta contro l'AIDS


Ana Maria Muhai è la donna coraggio del Mozambico. Ha ricevuto il premio presso la residenza dell'ambasciatore degli Stati Uniti d'America a Maputo il 5 aprile, durante una cerimonia piena di partecipanti.
L'importante riconoscimento, promosso dal Segretario di Stato americano Hillary Clinton, premia le donne che in tutto il mondo hanno dimostrato eccezionale coraggio e leadership.
Ana Maria Muhai è stata uno dei primi pazienti del programma DREAM per combattere l'HIV / AIDS e la malnutrizione, condotto dalla Comunità di Sant'Egidio in Mozambico. E' stata una delle prime persone che ha rotto il silenzio, parlando della sua malattia in televisione e alla radio e che, ogni giorno, dà lezioni nei centri DREAM per aiutare altri pazienti ad affrontare il trattamento e a lottare contro la stigmatizzazione.
"Abbiamo il grande privilegio di onorare Ana Maria Muhai. Il suo coraggio e gli instancabili sforzi hanno ispirato centinaia di altri e il loro lavoro è stato determinante nel trasformare il silenzio della vergogna nella voce della speranza. Ana Maria, vogliamo onorarla, non solo come una donna di coraggio, ma anche come simbolo di tutti i coraggiosi uomini, donne e bambini sieropositivi in Mozambico che lottano ogni giorno con questa terribile malattia ", ha dichiarato Leslie Rowe, ambasciatrice degli Stati Uniti .
Alla cerimonia, molto commovente, è stato ricordato il passato di stigma e di dolore sofferto da Ana Maria: "Pesavo 29 chili, ero un' ombra di una donna a brandelli. Nessuno comprava più le mie verdure o le bevande tradizionali che fabbricavo. La gente mi indicava e diceva a tutti di non comprare i miei prodotti perché avevo l'AIDS. I miei figli non potevano guardare la televisione in casa del vicino o giocare con gli altri bambini a scuola. La gente ballava, anche al di fuori della mia casa, cantando canzoni che parlano di AIDS. Oggi questi vicini vengono a casa mia ... e mi chiedono di parlare con i pazienti o ai loro familiari per accompagnarli presso i centri di salute! "
L'ambasciatore degli Stati Uniti, ha ricordato la biografia di Ana Maria sottolineando come abbia raggiunto la leadership contro la discriminazione. "Negli ultimi dieci anni, ha realizzato eventi di sensibilizzazione in cliniche, scuole e altri luoghi pubblici, ha partecipato a trasmissioni in radio e televisione, ha spinto il governo a realizzare campagne più positive sui media. Qualche settimana fa ho avuto l'occasione di vederla in azione a Sant'Egidio, in una clinica che cura oltre 3.000 pazienti affetti da HIV / AIDS. Come fa abitualmente in molti giorni all'anno, quel giorno ha condiviso un messaggio molto personale, molto forte, con centinaia di uomini, donne e bambini in condizioni uguali alle sue. Sono rimasta commossa per come ho visto infondere speranza negli altri, ascoltando la sua voce forte di sopravvivenza e tenacia. "
La stessa voce forte e tenace, Ana Maria l'ha utilizzata per il suo discorso che ha commosso il pubblico. "Non ho imparato quello che riguarda l'AIDS in associazioni o sui libri. L'ho imparato sulla mia pelle. L'AIDS sono io! "  ha detto ricordando quando è stata accolta dalla Comunità di Sant'Egidio nel programma DREAM che era appena stato implementato nel paese  "Sono molto fortunata. Ho avuto la mia famiglia che mi ha aiutato e non mi ha lasciato come ha fatto mio marito. Ho avuto la Comunità di Sant'Egidio che mi ha curato e continua a trattarmi con i farmaci, un aiuto e una forza, e ora ho anche gli Stati Uniti che sono una superpotenza! "
Ana Maria è stata accompagnata da colleghi di DREAM, dai rappresentanti della Comunità di Sant'Egidio,  dalla madre e da quattro dei suoi otto figli.
Citando la scrittrice americana Edith Wharton, l'ambasciatrice americana ha detto: "Ci sono due modi per diffondere la luce – essere la candela oppure lo specchio che la riflette. E 'ovvio per me che questa donna non è solo una candela luminosa per i mozambicani, ma per tutte le persone, soprattutto le donne, di tutto il mondo. "
DREAM, "Drug Resources Enhancement contro l'AIDS e la malnutrizione," è un programma creato dalla Comunità di Sant'Egidio per combattere l'AIDS nell'Africa sub-sahariana.
Il progetto ha un approccio olistico, la combinazione di terapia antiretrovirale con il trattamento della malnutrizione, della tubercolosi,  malaria e malattie sessualmente trasmissibili. Particolare attenzione è stata dedicata alla educazione alla salute a tutti i livelli. DREAM punta a raggiungere i propri obiettivi realizzandoli con i più alti standard di qualità per il trattamento e la cura dell'HIV. DREAM ha mosso i primi passi in Mozambico nel marzo 2002 dopo due anni di lavori preparatori. L'idea del progetto nasce nel 1998, quando la Comunità di Sant'Egidio ha deciso di combattere l'impatto dell'HIV / AIDS in Africa. Nel quadro del sistema sanitario nazionale, il programma DREAM si prefigge di introdurre i componenti essenziali per una strategia integrata di prevenzione e cura dell'AIDS. Il programma si propone come un modello per una vasta applicazione in risposta all'epidemia. L'obiettivo principale è stata ottenuto realizzando un servizio gratuito di diagnosi e trattamento. La prevenzione della trasmissione dell'HIV attraverso il servizio domiciliare e di prevenzione della trasmissione madre-figlio sono le componenti chiave del programma.