Ultime news

Nuovo attentato a Lahore in Pakistan


Pakistan – Il bilancio dell’ultimo attacco kamikaze a danno dei cristiani pakistani è di 15 morti e 78 feriti, di cui molti gravi. Fra le vittime anche molte donne e bambini. L’attentato si è consumato nella città di Lahore in un distretto a maggioranza cristiano, dove i terroristi hanno preso di mira due chiese, una cattolica e l’altra protestante, in cui si stavano celebrando delle funzioni religiose.  

A rivendicare il barbaro attentato sembra essere stato il gruppo talebano pachistano Jamaat-ul-Ahrar (Jua) il quale ha affermato, in un comunicato del suo portavoce Ihsanullah Ihsan, che "tali attacchi continueranno fino a quando la sharia non sarà imposta nel Paese”.

Purtroppo dopo questi attacchi un’onda di violenza è scoppiata in tutta la città. La folla, esasperata ed inferocita dal clima di tensione che regna ormai nel paese, ha picchiato a morte due persone sospettate di essere coinvolte nell’attacco. La protesta poi si è rivolta anche verso le forze dell’ordine ed i politici intervenuti sui luoghi dell’attentato, colpevoli, a detta della folla, di non aver vigilato a sufficienza sugli edifici di culto. Un clima sempre più teso che rischia di destabilizzare il precario equilibrio che vige nel paese. Basti pensare che le violenze contro le minoranze etniche e religiose sono sempre più frequenti in tutto il paese.

A sostegno dei cristiani del Pakistan è intervenuto ancora una volta Papa Francesco che ha dichiarato: “Con dolore, con molto dolore ho appreso degli attentati terroristici contro due chiese cristiane a Lahore in Pakistan, che hanno procurato molti morti e feriti. Sono chiese cristiane […] i cristiani sono perseguitati, i nostri fratelli versano il sangue soltanto perché sono cristiani” ha aggiunto inoltre “Mentre assicuro la mia preghiera per le vittime e le loro famiglie, chiedo il dono della pace e la concordia per quel Paese e che questa persecuzione contro i cristiani, che il mondo cerca di nascondere, finisca e ci sia la pace
Intanto a Lahore sono stati proclamati tre giorni di lutto in memoria delle vittime di questo ultimo attentato.

Diego Romeo

Posta un commento