Ultime news

PENA DI MORTE. L’AFRICA IN PRIMA LINEA NELLA LOTTA PER L’ABOLIZIONE


Anche quest’anno Amnesty International mette a nostra disposizione un corposo rapporto sullo stato della pena di morte nel mondo. Occorre subito sottolineare, a livello globale,  un'ulteriore diminuzione dell'uso globale della pena di morte nel 2017. In particolare, si distingue l'Africa sub-sahariana che ha fatto grandi passi avanti nella lotta globale per abolire la pena di morte con una significativa riduzione delle condanne a morte in tutta la regione. "I progressi nell'Africa sub-sahariana hanno rafforzato la sua posizione di faro di speranza per l'abolizione. La leadership dei paesi in questa regione dà nuova speranza che l'abolizione della punizione crudele, inumana e degradante sia a portata di mano ", ha dichiarato il segretario generale di Amnesty International Salil Shetty. "Ora che 20 paesi dell'Africa sub-sahariana hanno abolito la pena di morte per tutti i crimini, è giunto il momento che il resto del mondo segua la loro guida e consegna questa pena aberrante ai libri di storia", ha aggiunto Salil Shetty. 


Proprio in questi giorni si è svolto ad Abidjan, in Costa d’Avorio, un importante Congresso Regionale degli abolizionisti, con la partecipazione della Comunità di Sant’Egidio. In tutta l'Africa subsahariana, due soli paesi nel 2017 (contro i cinque paesi registrati nel 2016), Sud Sudan e Somalia, hanno effettuato esecuzioni. Le notizie secondo cui il Botswana e il Sudan hanno ripreso le esecuzioni nel 2018, non devono oscurare i passi positivi compiuti da altri paesi in tutta la regione: il Gambia ha firmato un trattato internazionale che impegna il paese a non eseguire esecuzioni e ad abolire la pena di morte. Il presidente della Gambia ha stabilito una moratoria ufficiale (divieto temporaneo) sulle esecuzioni nel febbraio 2018. Inoltre, le condanne a morte sono diminuite , da almeno 1.086 nel 2016 ad almeno 878 nel 2017. Infine, la Guinea ha abolito la pena di morte per tutti i crimini; Burkina Faso, Ciad e Kenya hanno compiuto importanti progressi verso l'abolizione della pena di morte.
Tornando ai dati globali, Amnesty International ha registrato almeno 993 esecuzioni in 23 paesi nel 2017, in calo del 4% dal 2016 (1.032 esecuzioni) e del 39% a partire dal 2015 (quando l'organizzazione ha registrato 1.634 esecuzioni, il numero più alto dal 1989).  Come nell’anno passato la maggior parte delle esecuzioni (oltre l’85%) si sono svolte nel continente asiatico: in Cina, Iran, Arabia Saudita, Iraq e Pakistan.  La Cina è rimasta il principale esecutore ( anche se – com’è noto - l'uso della pena di morte in Cina è sconosciuta in quanto questi dati sono classificati come segreti di stato e non è quindi possibile possedere un dato ufficiale). Nel corso del 2017, sono 23 i paesi hanno eseguito esecuzioni, lo stesso del 2016. Bahrain, Giordania, Kuwait e Emirati Arabi Uniti (EAU) hanno ripreso le esecuzioni nel 2017. Amnesty International non ha registrato esecuzioni in cinque paesi - Botswana, Indonesia, Nigeria, Sudan e Taiwan - che avevano effettuato esecuzioni nel 2016. Le esecuzioni sono diminuite sensibilmente in Bielorussia (del 50%, da almeno 4 a almeno 2), in Egitto (del 20%) in Iran (dell'11%), in Pakistan (31%) e in Arabia Saudita (5%). Le esecuzioni sono raddoppiate o quasi raddoppiate in Palestina (stato di) da 3 nel 2016 a 6 nel 2017; Singapore dalle 4 alle 8; e Somalia dal 14 al 24.


Nel 2017, due paesi - Guinea e Mongolia - hanno abolito la pena di morte per tutti i reati. Il Guatemala è divenuto abolizionista solo per i crimini ordinari.
Alla fine del 2017, 106 paesi (la maggioranza degli stati del mondo) avevano abolito la pena di morte per tutti i reati e 142 paesi (più dei due terzi) sono quelli che l’hanno abolita de jure o de facto. Su 193 stati membri delle Nazioni Unite, 170 (88 %) non hanno fatto esecuzioni nel 2017.
Condannati a morte hanno beneficiato di commutazioni o concessioni di grazie in 21 paesi: Bangladesh, Camerun, Cina, Egitto, India, Indonesia, Giappone, Kuwait, Malesia, Mauritania, Marocco/Sahara occidentale, Nigeria, Pakistan, Papua Nuova Guinea, Qatar, Sri Lanka , Taiwan, Tunisia, Emirati Arabi Uniti, Stati Uniti e Zimbabwe.
Una sensibile diminuzione, pari al 17%, delle condanne a morte si è verificata nel 2017:  2.591 condanne a morte in 53 paesi nel 2017 contro il numero record di 3117 registrato nel 2016.
Secondo le stime di Amnesty International, alla fine del 2017, almeno 21.919 persone erano presenti nei bracci della morte.

Antonio Salvati

Posta un commento