fbpx

Un maestro per il futuro. Affinati sulle orme di don Milani

È da qualche giorno in libreria l’ultima fatica di Eraldo Affinati; si intitola L’uomo del futuro. Sulle strade di don Lorenzo Milani.
Non è la prima volta che Affinati segue una pista: ora quella del prete di Barbiana, qualche anno fa quella di Dietrich Bonhoeffer o quella della tragedia della Shoah, in viaggio verso Auschwitz. Si tratta, indubbiamente di un uomo che cerca e che prova a condividere le cose che trova.
Compiuti da poco 60 anni, questa volta la ricerca parte dalla montagna toscana, che custodisce il corpo e la storia di Lorenzo Milani, prete e maestro, scomparso nel 1967 a soli 44 anni:«ho 42 anni e sono parroco di 42 anime», scriveva poco prima di morire…
Questo di Affinati non è uno studio rigoroso, come ce ne sono stati in questi anni; e nemmeno (soltanto) una biografia appassionata, come quella – difficile da superare – scritta con entusiasmo più di quarant’anni fa da Neera Fallaci: Dalla parte dell’ultimo. Vita del prete Lorenzo Milani.
Si tratta piuttosto di un percorso spirituale, tra il passato/presente dei luoghi calpestati da don Milani e le periferie del mondo di oggi e forse di domani, che sono un po’ come tante Barbiana del nostro tempo.
Si tratta di una sfida esistenziale, prima ancora che intellettuale: Eraldo Affinati è insegnante e uomo sensibile al nostro tempo di dramma e spaesamento, che pone domande e cerca risposte.

Da Lorenzo Milani, tra molte cose, Affinati mi sembra abbia ereditato questa grande passione per la scuola come via per la piena umanizzazione del mondo e della gente, specie se misera ed umiliata.
Lo ritroviamo, alla fine del racconto – appassionato e profondo – ancora alla ricerca affannosa di un luogo dove poter continuare ad insegnare l’italiano – lui che già per mestiere di questo si occupa – agli immigrati nel nostro paese, poveri di mezzi e di parola, come i montanari del Mugello di cinquant’anni fa.
«Fai strada ai poveri senza farti strada», avrebbe scritto don Milani – coi suoi ragazzi della scuola di Barbiana – nella Lettera a una professoressa.
A chi gli ha chiesto se si ritenesse uno scrittore cristiano, Affinati ha risposto:

«Io mi considero un apprendista cristiano. L’apprendista è quello che va in laboratorio a vedere i pezzi come funzionano: il cacciavite, il tornio. Così io sono un apprendista cristiano, quello che fa ricerca».

Fa piacere, ogni tanto, incontrare degli apprendisti siffatti.

Ultimi articoli di Paolo Sassi (vedi tutti)
Facebooktwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *