fbpx

A che serve la storia?

Spiace rilevare che la
notizia dell’abolizione della traccia a carattere storico dalle prove di
maturità ha suscitato reazioni soltanto da parte di storici, accademici e
intellettuali. Giustamente, alcuni schieratisi a difesa della disciplina hanno palesato
il serio rischio di un progressivo smantellamento del sapere storico,
dell’importanza della conoscenza storica.
Come insegnanti di
storia siamo da alcuni anni spettatori e consapevoli della crescente
marginalizzazione della storia nei programmi scolastici, con una riduzione
progressiva del monte ore dedicato alla disciplina in tutti gli ordini e gradi
scolastici e, in ultimo, l’ulteriore taglio delle ore nei professionali.
Ugualmente assistiamo alla scarso peso che il pensiero storico ha nel discorso
pubblico contemporaneo. Talvolta, le evocazioni di carattere storico – sia in
ambiti privati che nei talk show televisivi e radiofonici – indulgono verso una
sorta di nostalgismo, di una memoria dei bei tempi andati. Sia ben inteso, non
mancano gli esempi eccellenti: basti pensare – per fare  qualche esempio – alle straordinarie capacità
divulgative dei programmi di Alberto Angela, alla programmazione di RAI storia
o ai tanti speciali dedicati alla storia di Radio 3, soprattutto da quando è
condotta da Marino Sinibaldi.



L’effetto più grave è
la percezione dell’inutilità della storia, similmente a quanto accade alla politica.
La globalizzazione – ha sostenuto Andrea Riccardi, storico e fondatore della
Comunità di Sant’Egidio – non ha soltanto cambiato i tempi e impresso velocità
ai processi: ha anche alterato realmente le cose. Dire “virtuale” non significa
attribuire alla globalizzazione un potere inconsistente:  «sono
cambiate le relazioni umane e mutate le relazioni economico-sociali. Si tratta
di modificazioni effettive che hanno avuto impatto diretto sulla vita delle
persone
». La velocità di tali trasformazioni, rende spesso la disciplina
della storia e la stessa pratica politica inutili, inadatte perché sempre in
ritardo e non in grado di reagire a tempo o obbligata a rincorrerlo. In altre
parole, se il mondo cambia esso stesso rapidamente, a che serve la storia per
“cambiare”?
Non è nostra intenzione
entrare nel merito della questione della traccia storica. Del resto, è stato
osservato che solitamente gli alunni scartano la possibilità di svilupparla.
Già questo richiederebbe un’ampia riflessione.
La questione è, piuttosto,
domandarsi come divenire divulgatori efficaci della storia. Come, soprattutto,
fornire ai giovani la passione per gli eventi che ci hanno preceduto,
cogliendone la complessità e sapendo nello stesso tempo attrezzarli di un
pensiero critico e interpretativo da utilizzare anche e innanzitutto sulla
realtà della vita di tutti i giorni, personale e collettiva. E, infine, saper
rispondere alla domanda che frequentemente ci viene rivolta dai ragazzi: “A che
serve la storia?”
In un tempo nel quale
la didattica per competenze viene preferita a quella per conoscenze e si cerca
necessariamente l’utile immediatamente spendibile piuttosto del senso di un
insegnamento, si potrebbe facilmente presentare una ricetta di verità ed
utilizzare la storia, nei suoi passaggi più significativi, per la comprensione
degli eventi geopolitici che si verificano nel presente. Ad esempio, non
sarebbe difficile illustrare a dei ragazzi le potenziali conseguenze della
disgregazione dell’Europa unita raffrontandole alla situazione europea
dell’immediato dopoguerra, così come sarebbe più semplice commentare le
dichiarazioni politiche, a cadenza quotidiana, riguardo flussi migratori e
scelte economiche. Del resto, la storia personale è strettamente connessa alle
scelte che compirà nella sua vita e alle sue valutazioni. Seppur la storia non
si ripete mai nelle stesse modalità, sembra incredibilmente miope rinunciare
all’insegnamento della storia dei popoli e alla memoria collettiva che va
considerata l’estrema difesa, o baluardo, rispetto ad errori ciclici e
irreparabili. Insegniamo ai nostri ragazzi a leggere, a comprendere e
commentare le notizie più importanti facendo continui paralleli agli eventi
storici più calzanti. Faremmo acquisire, in tal modo, alle nuove generazioni la
capacità di discernere sostituendola all’obliò del disinteresse.




Un esempio riuscito di
come dotare i ragazzi  di un pensiero
critico e interpretativo da utilizzare nella vita di tutti i giorni è
costituito dalla mostra organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio Prendi la cartella e vattene da scuola che evoca il momento nel quale gli studenti ebrei delle scuole e delle
Università del 1938 hanno scoperto pochi giorni prima dell’inizio dell’anno
scolastico di non poter più rientrare a scuola. I bambini delle periferie
romane delle scuole della pace di Sant’Egidio con i loro disegni assai vivaci e
colorati hanno espresso lo stupore di fronte all’ingiustizia di allora ma anche
il dolore per tutte le forme di esclusione di cui loro stessi sono stati
vittime o testimoni. Colpisce la grande immedesimazione dei bambini,
accompagnata da tanti «perché», nei confronti di chi fu cacciato da scuola. Una
comprensione della storia che fa leva sui sentimenti perché esiste uno spirito
dell’infanzia più immediato e meno assuefatto del nostro, come spiega la curatrice
della mostra Evelina Martelli. «Se studio
potrò difendermi con le parole
», si legge in un foglio della mostra scritto
da un bimbo. Anche altri hanno fatto dei riferimenti con quello che si
ritrovano a vivere, con le piccole e grandi ingiustizie del presente.
Perché – per dirla con
De Gregori – «la storia siamo noi, attenzione, nessuno si senta escluso».

Alessio Alfano

Antonio Salvati

Facebooktwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *