Riccardi e Cancellieri: una riflessione sull'equità, meno male!

La tassa sui permessi di soggiorno per i lavoratori stranieri sarà “modulata rispetto al reddito del lavoratore straniero e alla composizione del suo nucleo familiare”.
Questo l’auspicio e l’impegno di Andrea Riccardi, ministro per l’Integrazione e la Cooperazione Internazionale e Annamaria Cancellieri, ministro degli Interni, in una nota diramata poco fa.
In questo momento di crisi, c’è bisogno di norme eque, che invitino alla solidarietà e non a contrapposizioni troppo facili, ma inutili, anzi profondamente dannose per lo stato della civile convivenza nel nostro paese.
Per questo, benvenuta – cito dal comunicato di Riccardi e Cancellieri – la “approfondita riflessione e attenta valutazione sul contributo per il rilascio e il rinnovo dei permessi di soggiorno degli immigrati regolarmente presenti in Italia, previsto da un decreto del 6 ottobre 2011 che entrera’ in vigore a fine gennaio – e’ quanto si legge in una nota congiunta dei due ministri -. In particolare, in un momento di crisi che colpisce non solo gli italiani ma anche i lavoratori stranieri presenti nel nostro Paese, c’e’ da verificare se la sua applicazione possa essere modulata rispetto al reddito del lavoratore straniero e alla composizione del suo nucleo familiare”.
Questa è equità, e di questo l’Italia oggi ha bisogno, affinchè possiamo esercitare tutti – proprio tutti – il diritto-dovere di cittadinanza.
Facebooktwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi una mail quando viene pubblicato un nuovo articolo.

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.