fbpx

Afghanistan, la rivolta delle donne ai funerali di Farkhunda

La notizia della
brutale uccisione di Farkhunda, arrivata alla fine di una settimana che ha
visto il compiersi di tragici attentanti come quelli Pakistan, in Yemen ed in Tunisia,
ha scosso tutto il mondo. La violenza con cui questa povera ragazza (pare) disabile è
stata uccisa, è stata così grande da aver diviso persino l’opinione pubblica
afgana. Una violenza che non conosce più limiti, che opera in nome di una fede che
sempre più viene distorta e accartocciata in nome di interessi personali e
politici, se non addirittura economici.

Una follia che fa le
sue prime vittime proprio fra i musulmani, quelli veri, quelli che sanno che il
vero Islam è una religione che anela alla pace e non alla guerra. Purtroppo però, a causa di questi pochi che usano la religione per i loro scopi personali, oggi
l’Islam viene visto con diffidenza e collegato all’integralismo.

Tuttavia sempre più gli
esponenti dell’Islam così detto “moderato
(che poi sarebbe il vero Islam – ndr), prendono le distanze da questi atti di
violenza, molti addirittura arrivano, a ragione, a condannarlo senza mezzi
termini.
Così è accaduto questa domenica proprio
a Kabul, la città dove per l’appunto si è consumato il massacro della povera
Farkhunda, dove un gruppo di donne, tutte attiviste musulmane per i diritti umani,
hanno deciso di ribellarsi ad una società sempre più violenta soprattutto verso
le donne. Queste donne coraggiose, durante i funerali, hanno deciso di portare in spalla il feretro
della povera ragazza uccisa sfilando il feretro per le vie della città fino al luogo dell’inumazione. “Portiamo noi la bara di
Farkhunda, era una figlia dell’Afghanistan. Oggi toccherà a lei domani a noi

così hanno dichiarato questo gruppo di donne, di fronte ad una società
prettamente maschilista. Un gesto forte, quasi di sfida, che però ha fatto
riflettere molti uomini che si sono uniti a loro per scortare la bara. Un gesto
che ha risvegliato gli animi assopiti di una società sempre più annichilita
sulla propria violenza.

Per fortuna il loro
gesto non è stato vano. Il presidente afgano
Ashraf Ghani, infatti, ha disposto la costituzione di una
commissione di indagine di alto livello formata da giuristi, studiosi
dell’Islam, esponenti di movimenti femministi e giornalisti, che avrà il
compito di indagare sui fatti accaduti al fine di accertare eventuali
responsabilità.

Un piccolo inizio
forse, ma che potrebbe far cambiare radicalmente la condizione delle minoranze
e delle donne in quella regione. Ora c’è solo da sperare che la vera giustizia
dell’Islam faccia il suo corso e che trovi i responsabili di questo orrendo
omicidio.

Diego Romeo

Facebooktwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *