Immigrati: realtà e percezione della realtà non sono la stessa cosa


La maggior parte degli europei pensano che gli immigrati, in particolare i musulmani, siano molti di più di quanto non siano in realtà – e che stiano aumentando ad una velocità incredibile

Le interpretazioni date alla realtà tradiscono valutazioni, opinioni, convinzioni e idee che ciascuno ha della realtà stessa. È come se venisse guardata attraverso un filtro che ha il potere di autoconvincere sé stessi che la realtà corrisponda esattamente a quella voluta.

Qualche giorno fa sono stati pubblicati i dati di un sondaggio della compagnia di ricerche di mercato inglese YouGov, prontamente ripresa dai media nazionali, secondo cui gli italiani sarebbe il paese più “anti-immigrati” d’Europa, con il 52% della popolazione intervistata che si dichiara in accordo con la seguente affermazione: “Gli stranieri che vivono qui sono così tanti che non mi sento più a casa”:


Tra una persona e il mondo esistono dei filtri interpretativi: la cultura nella quale si è immersi, l’educazione ricevuta, l’esperienza di vita, quella religiosa, i mass media, i legami e le relazioni sociali. Tutti insieme questi fattori costituiscono le lenti con si guarda al mondo, ovvero i propri punti di vista e giudizi.

Per questo accanto ai punti di vista soggettivi esistono i dati oggettivi.
Perché il fatto è una cosa certa, definita, chiara, oggettiva.

È interessante quindi mettere in relazione il sondaggio di cui sopra i risultati di una inchiesta del 2014 della Ipsos-Mori, una società che si occupa di ricerche sociali e statistica in Gran Bretagna, secondo la quale la maggioranza degli italiani è convinta che nel nostro Paese ci siano più di 15 milioni di immigrati, un quarto della popolazione. In realtà oggi sono l’otto per cento:


La percentuale di migranti in Europa si mantiene quasi ovunque sotto il 15%. E ogni anno milioni di persone fanno ritorno alla loro terra di origine. Tra realtà e percezione, ecco come stanno davvero le cose.

Per approfondire l’argomento si consiglia la lettura di Quattro miti da sfatare sui flussi migratori.

Facebooktwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *