“La città è il luogo della nostra battaglia”: p. David Maria Turoldo settant’anni fa

Si riporta qualche passaggio dell’articolo sulla città – e sul bene e il male che vi si affrontano – scritto dal giovane David Maria Turoldo per la rivista antifascista “L’Uomo” (luglio 1946),  articolo recentemente ripreso e commentato da Marco Impagliazzo su “Avvenire” (https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/nella-zuffa-in-citt-si-pu-vedere-il-bene). 


“Guai ad astrarre dalla realtà viva di cui siamo composti! Ci si separa dalla vita, si esce fuori dalla presenza divina, dalle arterie per cui Dio passa in noi, e si fa concreto. […] La vita della città è una vita religiosa, è la vita drammatizzata. […] Dio si è incarnato e abita fra noi […]. È un errore pensare che Dio è lontano, che abita in un’altra città: di città ce n’è una sola; egli dimora fra queste mura […]. È qui, dentro questa periferia che è come un cerchio di fuoco dove si azzuffano angeli e uomini, per cui la nostra lotta è contro i reggitori di queste tenebre. […] La città è il luogo della nostra battaglia […]. Ed è proprio questo costruire immenso, instancabile e trascendente; questo lottare disperato, questo buttarsi in mezzo al mare della vita senza sapere di arrivare alla sponda; è proprio questo sentirsi disputato dal bene e dal male, […]  è proprio questo contendere il terreno a satana, qui dove egli aveva piantato la sua roccaforte, il mio piacere di stare in città, di essere la città, di sentirmi una sola cosa con essa”.
Facebooktwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *