Se papa Francesco vive e comunica l’amore per la scuola

Per chi è interno al mondo della scuola, per chi è appassionato, innamorato del proprio lavoro, per chi è un po’ a disagio quando ascolta colleghi lamentarsi non solo per i soldi, ma anche per l’ignoranza degli studenti (!) o addirittura per la pesantezza dei rientri pomeridiani (!!), le parole pronunciate da papa Francesco all’incontro organizzato dalla CEI a San Pietro, “La Chiesa per la scuola” – “Non è un lamento, è una festa! Una festa per la scuola. Sappiamo bene che ci sono problemi e cose che non vanno, lo sappiamo. Ma voi siete qui, noi siamo qui perché amiamo la scuola” -, beh, sono una boccata d’aria fresca. 

Una brezza lieve che – siamo chiamati a capirlo sempre più – non deve per forza venire dal di fuori, da un riconoscimento giuridico o economico, per esempio; ma può venire dal di dentro, da noi, dal nostro stesso impegno, dal nostro stesso muoverci tra banchi e lavagne. Cito da un libro di un amico e collega prematuramente scomparso, Sandro Onofri, in “Registro di classe”: “Le nostre derelitte aule come un regno di libertà e di felicità”, o “Esiste un mestiere più bello

del mio?”, e potrei continuare …. Ecco, di questo ha bisogno anche – soprattutto, forse – la scuola. Di un sentire positivo, di entusiasmo.

Ebbene, forse un po’ paradossalmente per chi crede nella scuola pubblica – ma, d’altronde, non è forse magistero quello che dice un papa?, non siamo, si vis magna componere parvis, dei “colleghi”? -, questo entusiasmo ce lo restituisce Francesco: “Amo la scuola perché è sinonimo di apertura alla realtà”, “Andare a scuola significa aprire la mente e il cuore alla realtà, nella ricchezza dei suoi aspetti, delle sue dimensioni”, “La scuola è luogo di incontro nel cammino”, “Amo la scuola perché ci educa al vero, al bene e al bello”, “Non lasciamoci rubare l’amore per la scuola!”.
Occorre davvero ripartire lungo la strada dell’entusiasmo e dell’amore della scuola, noi insegnanti in primis, ma tutto un mondo che ha dimenticato o messo tra parentesi il valore della cultura, dell’educazione, dell’apprendimento, dell’ascolto. Occorre riscoprire quel segreto che rende sapida la vita, il segreto dell’imparare, come dice papa Francesco, anzi dell’imparare a imparare: “Ma se uno ha imparato a imparare, – è questo il segreto, imparare a imparare! – questo gli rimane per sempre, rimane una persona aperta alla realtà!”.
Bergoglio, a questo punto, ha citato “un grande educatore italiano”, don Lorenzo Milani: “Dicesi maestro chi non ha nessun interesse culturale quando è solo”. Davvero la scuola è interazione tra chi insegna e chi impara, è un confondersi dei ruoli, è un cogliere e rilanciarsi le sfide, è un essere insieme, è un andare insieme verso il futuro. La scuola può essere la strada di un “noi” che non accetta di girare a vuoto, nella ripetizione di sé, nel vortice della propria esaltazione o del proprio cupio dissolvi, per andare oltre, oltre il declino ed oltre l’hybris: “Il maestro dà al ragazzo tutto quello che crede, ama, spera. Il ragazzo crescendo ci aggiunge qualche cosa e così l’umanità va avanti” (è sempre don Milani). 

Francesco De Palma
Francesco De Palma
Latest posts by Francesco De Palma (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.