fbpx

Le armi nucleari diventano illegali

Il 24 ottobre, l’Honduras ha depositato la ratificata del Trattato per la proibizione delle armi nucleari (TPAN) portando a 50 il numero di stati che lo hanno ratificato. Era il numero di ratifiche atteso e necessario per poter entrare in vigore da quando è stato adottato e aperto alla firma alle Nazioni Unite nel 2017.
In base all’articolo 15 del trattato entrerà in vigore 90 giorni il raggiungimento della cinquantesima ratifica e quindi il 22 gennaio del 2021. E’ un passo importante perché, 76 anni dopo il bombardamento di Hiroshima, le armi nucleari sono riconosciute come illegali in modo vincolante per i paesi firmatari.

Nel dettaglio il trattato vieta esplicitamente l’uso, lo sviluppo, i test, la produzione, la fabbricazione, l’acquisizione, il possesso, l’immagazzinamento, il trasferimento, la ricezione, la minaccia di usare, lo stazionamento, l’installazione o il dispiegamento di armi nucleari.
Come si può immaginare nessuno dei paesi che detengono le armi nucleari ha firmato e tanto meno ratificato il trattato (così come anche gli stati facenti parte di alleanze strategiche come la NATO e quindi anche la nostra Italia), ma ciò nonostante il traguardo è significativo e segna una norma rilevante e autorevole di diritto internazionale e una pietra miliare sulla strada verso un mondo libero da armi così terribili.

Marco Peroni
Ultimi articoli di Marco Peroni (vedi tutti)
Facebooktwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *