fbpx

Unità d’Italia e Unità contro la pandemia!

Oggi, celebriamo il 160° anniversario dell’Unità d’Italia: una ricorrenza senza precedenti, per la situazione in cui siamo immersi e che stiamo affrontando. Infatti, oggi celebriamo l’Unità in un Paese funestato da una pandemia che sta gravemente segnando la vita degli italiani. Comunque, è importante il ricordo e la celebrazione di un evento fondamentale, fondante per l’Italia.

Il Presidente Sergio Mattarella, oggi

Il presidente Sergio Mattarella ha preso spunto proprio dalla situazione di difficoltà che l’Italia e il mondo intero sta vivendo. Durante la celebrazione ha detto:

L’Italia, colpita duramente dall’emergenza sanitaria, ha dimostrato ancora una volta spirito di democrazia, di unità e di coesione. Nel distanziamento imposto dalle misure di contenimento della pandemia ci siamo ritrovati più vicini e consapevoli di appartenere a una comunità capace di risollevarsi dalle avversità e di rinnovarsi“.

L’Italia, in questo anniversario si trova immersa in un combattimento senza eguali per arginare il contagio, lottando contro un nemico invisibile, senza confini, orari contro una sola arma – ma inesorabile: quella di un malefico contagio. La risposta, la salvezza da questa prova, oltre al vaccino, è indicata dal presidente con l’unità del paese, dei cittadini. Infatti, concludendo il suo intervento ha detto:

Corteo inaugurazione Parlamento Regno d’Italia

La celebrazione odierna ci esorta nuovamente a un impegno comune e condiviso, nel quadro del progetto europeo, per edificare un Paese più unito e solido, condizione necessaria per una rinnovata prosperità e uno sviluppo equo e sostenibile”.

Nella festa dell’unità, l’invito, l’auspicio del presidente è l’augurio più bello ed importante che potremmo farci, oggi, in un tempo di distanziamento obbligato: unirci per vincere insieme la battaglia contro il virus che ci costringe oggi ad essere distanti!

Germano Baldazzi

Facebooktwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *