Ultime news

Spending review : segnala lo spreco via web


Dopo l'incarico al commissario Enrico Bondi, il governo si affida anche al web per raccogliere i suggerimenti e le segnalazioni dei cittadini riguardo agli sprechi nella spesa pubblica. In una nuova sezione sul portale governativo dove si spiegano le misure adottate dal governo per l'analisi delle voci di spesa pubblica per evitare gli sprechi, è stata data anche la possibilità di compilare un modulo on-line dove chiunque può esprimere la propria opinione, dare suggerimenti o segnalare uno spreco. La pagina di presentazione è raggiungibile a questo indirizzo : http://www.governo.it/GovernoInforma/spending_review/index.html dove è possibile accedere al modulo "Esprimi la tua opinione".  Nella presentazione si spiega che nel complesso, la spesa pubblica “rivedibile’’ nel medio periodo è pari a circa 295 miliardi di euro. A breve termine, la spesa rivedibile è notevolmente inferiore, stimabile in circa 80 miliardi. Nell'attuale situazione economica, il Governo ha ritenuto necessario un intervento volto alla riduzione della spesa pubblica per un importo complessivo di 4,2 miliardi, per l’anno 2012, al quale tutte le amministrazioni pubbliche devono concorrere. Questo importo potrebbe servire, per esempio, a evitare l’aumento di due punti dell’IVA previsto per gli ultimi tre mesi del 2012. Una riduzione di 4,2 miliardi, da ottenersi in 7 mesi (1° giugno-31 dicembre 2012) equivale a 7,2 miliardi su base annua e corrisponde perciò al 9% della spesa rivedibile nel breve periodo (80 miliardi). La riduzione, non lineare ma selettiva, sarà realizzata potenziando la linea di risparmio seguita dal Governo nei primi mesi di attività: ad esempio i risparmi (per oltre 20 milioni di euro) prodotti dalla Presidenza del Consiglio grazie alla diminuzione delle consulenze e ai tagli all’organico, la riduzione degli stipendi dei manager pubblici, i tagli sui voli di stato e sulle “auto blu”, la soppressione di enti, o la riforma delle province.