La comunità di Sant’Egidio porta in gita al mare i detenuti dell’Opg di Napoli

Una gita al mare potrebbe sembrare una notizia banale, ma quella organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio con 15 detenuti dell’Ospedale psichiatrico giudiziario di Napoli è un caso un pò unico in Italia. Come unica è stata l’emozione di Gennaro nel rivedere il mare dopo sedici anni passati reclusi nell’Ospedale: ”E’ un’emozione stupenda, vorrei restare per sempre qui”, dice quando lo rivede. Così anche per gli altri è stato come riprendere a respirare un’aria che si era dimenticata, espresso bene nelle parole di Nunzio: ”La libertà è un sogno. Questo mare mi entra nei polmoni e nella testa, lo porterò con me quando sarò dentro”. La meta scelta per il permesso premio è una località molto suggestiva, Sorrento. Un piccolo tratto di spiaggia bruciato dal sole con alle spalle la costa rocciosa ricoperta di macchia mediterranea. Di fronte il mare. Calmo, azzurro intenso. Intervistato da campanianotizie.com , il direttore dell’Opg, Stefano Martone ha dichiarato: ”Facciamo respirare loro un po’ di libertà .Un passo importante nel loro percorso di riabilitazione dei detenuti, un modo per accelerare il loro reinserimento in società”. La natura in stato di grazia sembra quasi voler abbracciare queste quindici anime dannate. Quindici uomini che nella loro vita hanno sbagliato, che si sono macchiati di delitti anche particolarmente efferati e che ora stanno pagando. Il sole dell’estate napoletana, del resto, e’ impietoso sulle mura dell’Opg, toglie il fiato di giorno e di notte. E allora anche poche ore su un triangolo di spiaggia possono restituire il respiro. E cosi’, un caffè e una sigaretta a riva e poi il bagno tutti assieme, come un qualsiasi gruppo di amici in gita. Con due bracciate si può raggiungere un gozzo e trasformarlo in trampolino per i tuffi. Una situazione di normalità. Sulla carta, con la prossima chiusura degli Opg, dovrebbe essere cosi’ per tutti gli ex detenuti. Per i 106 della struttura napoletana, per i 200 di Aversa, in provincia di Caserta, e per quelli di tutta Italia. ”La riforma e’ sacrosanta – dice il portavoce della Comunita’, Antonio Mattone – ma e’ un dato di fatto che il nostro sistema sanitario non e’ ancora pronto. Il carcere produce malattia mentale, e’ un serbatoio continuo di pazienti che poi finiscono negli Opg. Allo stesso tempo c’e’ il problema delle dimissioni dei pazienti che una volta usciti non sanno dove andare. Le famiglie non vogliono più riprenderseli e le strutture territoriali praticamente non esistono”. Dal mare al ristorante. La comitiva si sposta a tavola e basta una bottiglia di Coca cola per fare festa. Si brinda, tutti insieme, ”a tutti noi, che siamo l’uno per l’altro la nostra famiglia”. Qualcuno intona i versi di una canzone napoletana. Lo fa a voce bassa, ”cosi’ non disturbiamo nessuno, cosi’ non ci dicono che siamo matti”. Nel primo pomeriggio arriva anche il saluto dell’arcivescovo di Sorrento e Castellammare, Francesco Alfano, ”per la Chiesa e’ importante accogliere queste persone” dice. Poi, a fine giornata tocca ai saluti. Qualcuno resta in silenzio, qualcun altro si commuove. Per i quindici detenuti e’ tempo di tornare. Si risale sul bus, destinazione Secondigliano. Si ritorna dentro.

Facebooktwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *