fbpx

Tutti in vacanza!

Dopo tante peripezie
sembra che finalmente l’estate sia arrivata, o almeno così pare! Tuttavia quello
che per molti rappresenta un momento di meritato riposo e svago, per molti ha il sapore
agro dolce dell’abbandono.



Si perché non tutti,
forse sempre meno, si possono permettere il lusso di potersi riposare o meglio
di andare in vacanza. Categorie come anziani e i disabili (già in passato
ed ora con la crisi ancora di più), non hanno mai vissuto questo periodo con la
tipica gioia di chi è pronto per partire per una ambita meta turistica, al
contrario per la maggioranza di loro, infatti, l’estate significa essere
abbandonati al caldo delle proprie città.

Caldo ed abbandono che
spesso posso essere anche fatali!

Infatti l’emergenza caldo, legata ad una diminuzione dei servizi sociali dei comuni di residenza, possono risultare molto pericolosi, soprattutto lì dove le famiglie, per vari motivi, sono assenti.
Tuttavia solo a partire dal 2003 (quando un’ondata anomala di caldo investì l’Europa mietendo parecchie vittime soprattutto fra gli anziani) l’emergenza caldo è divenuto un problema preso veramente in seria considerazione dallo stato e dai relativi comuni, che hanno dovuto approntare piani d’emergenza in collaborazione con vari enti no profit, come ad esempio il programma “Viva gli Anziani” che in alcuni quartieri romani monitorizza giornalmente più di 3000 anziani non del tutto autosufficienti.


Ma lì dove anche le
vacanze estive del comune sono state soppresse per mancanza di fondi cosa è
possibile fare?



Anche qui il sostegno del cosiddetto “terzo settore” risulta essere indispensabile! Infatti in tutte le più grandi città italiane, le vacanze organizzate da strutture di volontariato, hanno permesso a migliaia di anziani, disabili e bambini di trascorrere qualche settimana lontani dal caldo delle proprie città.
A Roma, per esempio, anche quest’anno più di 500 disabili e quasi 1000 anziani, sono stati portati in vacanza dai volontari della Comunità di Sant’Egidio, che hanno passato delle bellissime settimane presso i Castelli Romani.  



Ma si tratta solo di
semplici vacanze?



In parte sì, ma in
parte è anche qualcosa di molto più profondo. Non solo un momento di svago e
relax ma anche un momento di riflessione profonda sulle questioni che attanagliano la città ed il mondo e dove si è decise di prendersi cura
anche di chi è ancor più povero.

Così anziani, disabili e bambini provenienti da
tutti i quartieri di Roma, di settimana in settimana, durante le loro vacanze,
hanno deciso di organizzare feste in istituti e centri diurni, per stare più vicino a chi
è rimasto veramente solo.

Una prova ulteriore che
nessuno è così povero da non poter fare qualcosa per il prossimo, nemmeno
quando sta in vacanza!



Diego Romeo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.