La “formula” del fascismo: “Noi contro loro”

Il clima odierno è quello degli anni ’30? Mutatis mutandis, un nuovo fascismo è alle porte?
Una risposta per certi versi definitiva è quella che dà Jason Stanley, americano, figlio di rifugiati europei scampati alla II Guerra Mondiale, docente di Filosofia all’Università di Yale, autore di un volume agile quanto chiaro e ricco di spunti, “Noi contro Loro. Come funziona il fascismo” (Solferino). 

Stanley, pur consapevole del rischio insito in ogni generalizzazione, identifica i tratti distintivi, e ricorrenti, di ogni vento o movimento fascista: la divisione, la separazione da un “noi” e un “loro”; e poi l’invenzione di un passato mitico, il vittimismo, la distorsione del linguaggio a fini di propaganda, la creazione di uno “stato di irrealtà in cui le teorie cospiratorie e le notizie false sostituiscono i dibattiti ragionati”.
Man mano che questo procedere è messo in esecuzione, partendo dai segmenti meno avvertiti della società – “la propaganda deve essere indirizzata verso le fasce meno istruite della popolazione, per suscitare emozioni, ansie e paure” -, cresce la disumanizzazione e la demonizzazione di “loro”, mentre “quanti fanno parte del ‘noi’ finiscono per incarnare tutto ciò che è virtuoso”. 
Ed allora “‘loro’ sono criminali, ‘noi’ commettiamo errori”. “Noi” siamo lavoratori onesti e “loro” sono profittatori. “Noi” facciamo e “loro” prendono.
Nel breve tutto ciò può funzionare. Anche se non per molto: “Uno stato basato sul conflitto tra ‘noi’ e ‘loro’ prima o poi è destinato a sfaldarsi”, avverte Stanley: “Quel paese non sarà mai una comunità pacifica in cui ai bambini si insegna a provare empatia per gli altri esseri umani”. 
Consapevoli di tutto questo, e ammaestrati dalla storia, si tratta di resistere all’onda di questo fascismo 2.0, cercando di far sì che il meccanismo non prenda piede, che la falsità dell’opposizione “noi-loro” sia sempre più evidente: “Rifiutandosi di farci fregare dai miti fascisti, restiamo liberi di confrontarci gli uni con gli altri, ciascuno con le proprie diversità, senza demonizzare nessuno”, conclude l’autore.

Francesco De Palma
Facebooktwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi una mail quando viene pubblicato un nuovo articolo.

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.