fbpx

L’originale pacifismo di Dino Campana

Pace non cerco, guerra non sopporto
tranquillo e solo vo pel mondo in sogno
pieno di canti soffocati. Agogno
la nebbia ed il silenzio in un gran porto.

È la quartina iniziale di “Poesia facile”, uno dei pochi testi di Dino Campana che non fanno parte della sua opera principale: i “Canti orfici”. 
Campana è certamente un animo sempre inquieto, polemico verso i contemporanei, disprezzava i futuristi. 
Questo poeta raffinato, la cui opera, secondo Luzi, è il principale tentativo di creare il sublime nel ‘900, restò immune alla “grande ebetudine” di cui parlava Thomas Mann ne “La montagna incantata”: la passione bellica che condusse l’Europa al disastro che fu la prima guerra mondiale. 
Nel 1914 quando tutta Italia stava diventando interventista e per le strade si insultavano gli austriaci e i tedeschi, Dino Campana dedica i “Canti orfici”, suo capolavoro, a “Guglielmo imperatore dei germani”. 
Se una follia c’era in Campana era la follia della provocazione. 
Gli è costata essere spesso espunto dalle antologie e probabilmente l’essere avviato più rapidamente di quello che era necessario nel manicomio di Castel Pulci, dove morì a soli 47 anni, nel 1932, a causa della setticemia dovuta a una ferita procuratasi in un tentativo di fuga.

Luca Giordano
Facebooktwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *