fbpx

Il Covid-19 in Africa, un impatto largamente sottovalutato

Ma la pandemia c’è anche in Africa?

Il primo caso di Covid-19 in Africa è stato individuato in Egitto il 14 febbraio di un anno fa, il primo nell’Africa subsahariana il 28 febbraio 2020 in Nigeria. Da allora il numero delle infezioni e delle morti è cresciuto notevolmente, come ovunque, ma non allo stesso ritmo che in Europa e nelle Americhe.

A parte il Sudafrica, il paese più colpito dall’epidemia, nel resto del continente, in particolare a sud del Sahara, si è registrata una minore incidenza del nuovo coronavirus. Per la minore gravità della pandemia in Africa si è parlato di un insieme di concause, dalla scarsa capacità diagnostica alla giovane età della popolazione. Per cui l’impatto del virus sul continente sarebbe più economico che sanitario. E in certi stati si è persino potuto affermare di essere del tutto covid-free.

In realtà uno studio recente, apparso su medrxiv.org (da pronunciarsi “med-archive“), nuovo servizio per “preprint” dedicati alla ricerca clinica, piattaforma non-profit di un certo livello, risultato della collaborazione tra la Yale University e il British Medical Journal, contribuisce a dirci che il Covid-19 è presente a sud del Sahara esattamente come a nord, ovest ed est, che circola liberamente e che uccide anziani e meno anziani come dappertutto.

L’articolo, in questione (https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2020.12.22.20248327v1.full) si basa sulle rilevazioni condotte in un obitorio di una grande città africana, quello dell’University Teaching Hospital a Lusaka, in Zambia. Per ogni deceduto per cui si è ottenuto il dovuto consenso parentale si è proceduto a un test nasofaringeo.

Il risultato? Su 364 test condotti tra il giugno e il settembre 2020 il Covid-19 è stato individuato in 70 casi (19,2%). Tre quarti dei soggetti avevano meno di 60 anni e le cinque comorbilità più frequenti erano la tubercolosi (31,4%), l’ipertensione (27,1%), l’AIDS (22,9%), l’alcoolismo (17,1%) e il diabete (12,9%).

Sembra proprio che, contrariamente a quanto si pensa, le morti da Covid-19 non sono così infrequenti a Lusaka. Come concludono gli autori della ricerca, “i casi di Covid-19 sono stati riportati come rari [in Africa] perché i test venivano eseguiti raramente, non perché lo stesso Covid-19 fosse raro. Se i nostri dati fossero generalizzabili, l’impatto del Covid-19 in Africa risulterebbe sia stato ampiamente sottovalutato”.

Francesco De Palma

Francesco De Palma
Ultimi articoli di Francesco De Palma (vedi tutti)
Facebooktwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *