fbpx

Fraternità, “la sfida del nostro secolo, la sfida dei nostri tempi”

Ieri si è celebrata la I Giornata Internazionale della Fratellanza Umana. Nella ricorrenza della firma del documento, sempre sulla Fratellanza Umana, siglato due anni fa ad Abu Dhabi da papa Francesco e dal grande imam di Al-Azhar, Ahmad At-Tayyib.

Sappiamo come il tema della fraternità è centrale nella visione di Bergoglio e al cuore dell’ultima enciclica, “Fratelli tutti”. Nel magistero del papa è un modo di passare dal puro e semplice dialogo interreligioso a qualcosa di più stretto e sostanziale. In grado di aiutare tutti i contesti di fede e gli uomini di buona volontà ad impegnarsi non solo contro il terrorismo e per la “pacificazione” dei messaggi religiosi, bensì pure nella collaborazione per la protezione dell’ambiente globale e, oggi, per il contrasto alla pandemia.

Del resto, secondo il papa, non c’è alternativa a un tale impegno. Lo aveva detto appunto negli Emirati Arabi: “Non c’è alternativa: o costruiremo insieme l’avvenire o non ci sarà futuro. Le religioni, in particolare, non possono rinunciare al compito urgente di costruire ponti fra i popoli e le culture. È giunto il tempo in cui le religioni si spendano più attivamente, con coraggio e audacia, senza infingimenti, per aiutare la famiglia umana a maturare la capacità di riconciliazione, la visione di speranza e gli itinerari concreti di pace”.

Pontefice e grande imam si sono allora incontrati di nuovo, stavolta virtualmente, come capita ai più in questo tempo difficile, proprio per celebrare insieme una giorno che non è rimasto solo nella memoria degli incontri interreligiosi, ma è divenuto una Giornata ONU (proclamazione il 21 dicembre scorso). Fratellanza umana, quindi, come orizzonte non solo spirituale, bensì pure dell’intera famiglia planetaria.

Per l’occasione è stato anche istituito un premio, il Premio Zayed, ispirato al documento del 2019, che ha visto come primi vincitori il Segretario Generale dell’ONU, Antonio Guterres, e la musulmana francese Latifa Ibn Ziaten, la quale dopo aver visto uno dei propri figli morire per il terrorismo integralista ha fondato un’associazione culturale e gira le scuole transalpine per portare la propria testimonianza di dialogo e di pace.

Francesco è intervenuto in videoconferenza con un breve discorso che ha ribadito come “oggi la fratellanza sia la nuova frontiera dell’umanità. O siamo fratelli o ci distruggiamo a vicenda. Non c’è tempo per l’indifferenza. […] O siamo fratelli – consentitemi -, o crolla tutto. È […] la sfida del nostro secolo, è la sfida dei nostri tempi”. E ha aggiunto: “Siamo fratelli, nati da uno stesso Padre. Con culture, tradizioni diverse, ma tutti fratelli. E nel rispetto delle nostre culture e tradizioni diverse, delle nostre cittadinanze diverse, bisogna costruire questa fratellanza”.

Francesco De Palma

Francesco De Palma
Ultimi articoli di Francesco De Palma (vedi tutti)
Facebooktwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *