fbpx

Il premio Nobel per la letteratura alla poetessa statunitense Louise Glück

Una delle raccolte più famose della poetessa Louise Glück ‘Iris selvatico’

La poetessa Louise Glück vince il premio Nobel per la letteratura. La motivazione del comitato è molto interessante: “La sua inconfondibile voce poetica che con austera bellezza rende universale l’esistenza individuale”. Nell’aggettivo “inconfondibile” sembra essere inteso un certo cinismo, una lieve, molto poetica, vena realistica.

Una difficile eredità

In alcuni suoi testi si percepisce un minimalismo simile a quella della Szymbrska, però con meno immagini. La stessa differenza che c’è tra un paesaggio del Vermont rispetto ad un’urbanizzata Polonia. Sono entrambi belli e interessanti. Non chiedetemi quale preferisco, non ha senso in poesia. Nei poeti contemporanei il dato biografico è fondamentale. Questa poetessa ha vissuto parte della sua adolescenza con una forma di anoressia, è il suo dato biografico originale. Considerata erede di Emily Dickinson e Sylvia Plath. Rispetto alle due poetesse sopra citate ha un maggiore disincanto, meno vittima-si percepisce una maggiore emancipazione femminile-ma sicuramente in comune ha una tensione all’assoluto.

Tensione all’assoluto

Come del resto molti poeti del 900 e di questo inizio secolo,Louise Glück vive una contraddizione. Da una parte la realtà agnostica della società, dall’altra un’attenzione verso il sacro, come se cercasse qualcosa. La poetessa è testimone dell’insoddisfazione dell’umanità per la sua condizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *